Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Ricerca personalizzata

Facciamo RECENSIONI DI BLOG: quelli più visitati, quelli dei grandi giornalisti, quelli che fanno opinione, quelli di denuncia, quelli sugli argomenti più improbabili, quelli che raccolgono filmati o fotografie... Un viaggio attraverso le infinite declinazioni del blog, per scoprire quante informazioni diverse si possono condividere con uno strumento di facile utilizzo e accessibile a tutti. Perchè per essere un blogger basta un computer e la voglia di raccontare.
(14 marzo 2006)

sabato, aprile 15, 2006

UNA COLLEZIONE DI ATTIMI


"Conserva l'amore nel tuo cuore.
Una vita senza amore è come un giardino senza sole
dove i fiori sono morti".
O.Wilde

Un fotografo cattura lo scorrere del tempo e lo rende immobile per sempre con un semplice “click”.

La fotografia è comunicazione immediata, dirompente, d’impatto, emotiva e riflessiva allo stesso tempo.

E’ una forma d’espressione senza limiti, perché supera le barriere del linguaggio e della cultura.

E’ universale come la musica.

In una fotografia si intrecciano arte e racconto: la bellezza di un’immagine ricercata e la descrizione concreta, visiva, immediata di una situazione, di una sensazione, di un istante unico e irripetibile, che il fotografo sa riconoscere in tutto il suo valore, mentre a tutti gli altri sfugge, perso tra i tanti istanti di cui è fatto un giorno, una settimana, un mese.

Il fotografo è un poeta che si esprime per immagini e ha la grande responsabilità di scegliere i frammenti di vita da rendere eterni.
Questa responsabilità è forte soprattutto per il fotoreporter, perché le sue immagini fanno la storia di una Paese, di un conflitto, di un evento.

Con la televisione ci siamo abituati alla forza delle immagini in movimento, che ci bombardano di informazioni lasciandoci poco tempo per riflettere.
Un’immagine fissa, invece, è come un quadro: la si può guardare e riguardare e ogni volta scoprire e capire qualcosa di nuovo.

Il blog di cui ho lasciato il link ad inizio pagina è di una giovane mamma fotografa (il nome del blog è il soprannome di sua figlia).
Si può visualizzare un solo post alla volta: una fotografia su sfondo nero accompagnata da una frase, spesso una citazione.

Una fotografia per ogni giorno dell’anno,
un calendario virtuale, un diario per immagini.

Accanto ad ogni fotografia una frase d’effetto, densa di significato ma concisa, perché a parlare devono essere le fotografie, che da sole dicono più di pagine e pagine di parole.

Georgia Spaccapietra, la fotografa autrice del blog, dice di sé:
“Io sono un clown e faccio collezione di attimi” (H.Boll).

Grazie per aver deciso di condividerli con noi.

15 Comments:

Anonymous Susanna said...

Hai un modo di scrivere che tocca il cuore.

sabato, aprile 15, 2006 7:28:00 PM

 
Anonymous Olivia said...

Molto bello questo post....

sabato, aprile 15, 2006 9:41:00 PM

 
Anonymous Pietro L said...

Molto molto bello buba.it
Leggero.
Coinciso.
Diretto.

lunedì, aprile 17, 2006 3:09:00 PM

 
Anonymous georgia said...

Grazie per le bellissime parole e per la segnalazione. La foto che hai scelto è anche una delle mie preferite. ciao!

mercoledì, aprile 19, 2006 2:09:00 PM

 
Blogger Danva said...

La fotografia è sicuramente uno strumento fantastico per trasmettere le emozioni.E' proprio vero che una foto ci dice centomila cose in più di milioni di parole...e ci trasmette ogni volta nuove, profonde, intense emozioni. Ci ricorda il profumo delle cose più dolci che abbiamo vissuto.
BRAVE RAGAZZE!

venerdì, aprile 21, 2006 6:50:00 PM

 
Anonymous Anonimo said...

Pensa che sono a venuta del sito dall'università, da un corso che sto frequentando...non credo che esistano delle parole per descrivere quello che hai fatto e che stai continuianodo a fare, o meglio a fotografare...vita quotidiana, sensazioni, ritagli di emozioni vissuti nella quotidianità...semplici espressioni del dolce vivere!

mercoledì, marzo 21, 2007 4:29:00 PM

 
Anonymous Anonimo said...

Ho un blog e un gruppo su Flickr che ho chiamato proprio "Collezione di attimi" ispirandomi ad una scritta che avevo immortalato qualche anno fa ai piedi di una parete attrezzata di roccia in trentino...l'arrampicata in quel punto, evidentemente, offre attimi da collezionare!!! Questo blog l'ho trovato cercando il nome a me familiare. Come hai detto in questa pagina le foto sono più eloquenti di mille parole e per questo motivo ho preferito utilizzare il gruppo di Flickr invece che il blog che pur avevo iniziato: nel gruppo posso mostrare le foto per me più emozionanti e descrivere quando voglio le emozioni che mi trasmettono. Il gruppo, poi, è interattivo (certo mai come il blog che però è molto più impegnativo) e chi vuole può partecipare aggiungendo le proprie foto o le proprie emozioni...io sono l'amministratore, mentre chi interagisce fa parte degli emozionati. Venitemi a trovare!!!
lauraamari

lunedì, aprile 07, 2008 8:43:00 PM

 
Anonymous Anonimo said...

Ho un blog e un gruppo su Flickr che ho chiamato proprio "Collezione di attimi" ispirandomi ad una scritta che avevo immortalato qualche anno fa ai piedi di una parete attrezzata di roccia in trentino...l'arrampicata in quel punto, evidentemente, offre attimi da collezionare!!! Questo blog l'ho trovato cercando il nome a me familiare. Come hai detto in questa pagina le foto sono più eloquenti di mille parole e per questo motivo ho preferito utilizzare il gruppo di Flickr invece che il blog che pur avevo iniziato: nel gruppo posso mostrare le foto per me più emozionanti e descrivere quando voglio le emozioni che mi trasmettono. Il gruppo, poi, è interattivo (certo mai come il blog che però è molto più impegnativo) e chi vuole può partecipare aggiungendo le proprie foto o le proprie emozioni...io sono l'amministratore, mentre chi interagisce fa parte degli emozionati. Venitemi a trovare!!!
lauraamari

lunedì, aprile 07, 2008 8:43:00 PM

 
Blogger e. said...

guardo buba.it da tanto tempo, tanto. e spesso immagino la storia che sta dietro o il volto di Georgia..e vorrei sapere la sua storia anche se non ne saprò mai l'intensità.complimenti, le tue foto sono davvero attimi di vita. meravigliosi. emy emilou@tiscali.it

mercoledì, maggio 21, 2008 2:09:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

La ringrazio per Blog intiresny

martedì, novembre 03, 2009 9:01:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

Perche non:)

martedì, novembre 03, 2009 9:05:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

imparato molto

sabato, novembre 07, 2009 11:14:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

Perche non:)

sabato, novembre 07, 2009 11:18:00 AM

 
Anonymous Anonimo said...

Si, probabilmente lo e

lunedì, marzo 15, 2010 3:04:00 AM

 
Blogger amcam said...

Ho visto le tue foto mi piacciono abbastanza ma non "abbastanza".MI spiego meglio.Vedo un pò di tristezza(spero di sbagliare)come se ci fosse in te qualcosa di misterioso,come se ci fosse in te una corteccia dietro la quale cerchi di nasconderti ma non vorresti.Mi pare che ritrai molto spesso i tuoi figli attenta, che i figli quando si stancano possono tirarti anche "sassi".Mi scuso e spero che mi perdonerai per questo mio giudizio non autorizzato.Ciao

giovedì, agosto 19, 2010 12:15:00 AM

 

Posta un commento

<< Home